Arci Brindisi

News

  • Al via la nuova campagna di tesseramento dell’ARCI
    È partito il tesseramento Arci 2020-2021. ‘Sempre Attiva e Resistente’ è il messaggio scelto quest’anno per una campagna di tesseramento diversa dalle altre, in un periodo segnato dall’emergenza, non solo sanitaria, legata al Covid-19. […]
  • Welcome – Working for Refugee Integration: Arci Brindisi premiata da UNHCR!
    Siamo felici di comunicare che Arci Brindisi è stata premiata dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) con il logo “We Welcome”. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno alle realtà che, in Italia, si impegnano per favorire e promuovere […]
  • Avviso di selezione progetto SIPLA
    ARCI – Comitato Territoriale di Brindisi tramite il presente Avviso indice una selezione pubblica per titoli e colloquio finalizzata al conferimento di n. 2 incarichi professionali: N. 1 Insegnante di lingua italiana L2; N. 1 Tutor […]

🔴 𝐌𝐀𝐍𝐂𝐀𝐍𝐎 𝐓𝐑𝐄 𝐆𝐈𝐎𝐑𝐍𝐈 𝐀𝐋𝐋𝐀 𝐒𝐂𝐀𝐃𝐄𝐍𝐙𝐀 𝐃𝐄𝐋 𝐁𝐀𝐍𝐃𝐎. 𝐈𝐍𝐕𝐈𝐀 𝐋𝐀 𝐓𝐔𝐀 𝐂𝐀𝐍𝐃𝐈𝐃𝐀𝐓𝐔𝐑𝐀!

𝐀𝐫𝐜𝐢 𝐁𝐫𝐢𝐧𝐝𝐢𝐬𝐢 ricerca 𝐝𝐮𝐞 𝐜𝐚𝐧𝐝𝐢𝐝𝐚𝐭𝐢 per il bando "𝐓𝐢𝐦𝐞 𝐭𝐨 𝐂𝐚𝐫𝐞".

Il bando è rivolto ai 𝐠𝐢𝐨𝐯𝐚𝐧𝐢 𝐭𝐫𝐚 𝐢 𝐝𝐢𝐜𝐢𝐨𝐭𝐭𝐨 𝐞 𝐢 𝐭𝐫𝐞𝐧𝐭𝐚𝐜𝐢𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐚𝐧𝐧𝐢 che vogliono impegnarsi, per un periodo di sei mesi, in attività di supporto e di assistenza agli anziani, una risorsa culturale per il territorio e la categoria più fragile e più esposta al contagio del Covid-19.

Il bando ha la finalità di promuovere azioni di sistema sui territori che, attraverso le reti associative, favoriscano lo scambio intergenerazionale attraverso le seguenti attività:
• assistenza a domicilio e/o a distanza dei giovani nei confronti degli anziani;
• attività di “welfare leggero” (quali disbrigo di piccole faccende per persone anziane o bisognose: consegna di spesa, acquisto farmaci, contatti con i medici di base, pagamento bollette, consegne a domicilio di diversi beni, etc.);
• assistenza da remoto, anche mediante contatti telefonici di carattere informativo o dedicati all'ascolto e al conforto di chi è solo.

La domanda di partecipazione dovrà essere inviata all'indirizzo brindisiarci@pec.it 𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟏𝟒.𝟎𝟎 𝐝𝐞𝐥 𝟑𝟏 𝐨𝐭𝐭𝐨𝐛𝐫𝐞 𝟐𝟎𝟐𝟎, utilizzando l'apposito form (bit.ly/FormTimeToCare), allegando curriculum vitae in formato europeo, redatto sotto forma di autocertificazione, e copia fronte/retro del proprio documento di identità.

Per maggiori informazioni: bit.ly/BandoTimeToCare
...

3 days ago  ·  

Leggi su Facebook

Una semplice infografica che riassume le novità e le misure per il contenimento del Covid-19 introdotte dal nuovo DPCM, in vigore fino al 24 novembre. ...

4 days ago  ·  

Leggi su Facebook

🇳🇬 𝐄𝐍𝐃 𝐒𝐀𝐑𝐒 𝐍𝐎𝐖!

Dall'inizio di ottobre la Nigeria è attraversata da imponenti proteste contro la violenza delle forze dell'ordine, in particolare da parte delle Special Anti-Robber Squad (SARS), un unità di polizia speciale nata nel 1992 per contrastare crimini comuni.

In realtà in questi anni gli agenti della SARS hanno abusato della propria autorità e dei propri poteri disponendone in maniera illecita, rendendosi responsabili di abusi, violenze, torture e omicidi. Chiunque vesta in maniera eccentrica, porti i dreadlocks, abbia tatuaggi, tenga con sé oggetti costosi rischia di essere arbitrariamente arrestato e picchiato, ed è costretto a pagare somme ingenti per essere rilasciato. Chi non ha la possibilità di pagare, spesso non fa ritorno a casa. Gli omosessuali sono vittime di una brutale repressione. Per le donne, lo stupro è una prassi.

La crisi, che si protrae da diverso tempo, è esplosa drammaticamente lo scorso 20 ottobre. Dopo settimane di proteste, il governo nigeriano ha imposto un coprifuoco a Lagos, la megalopoli nel sud-est del Paese. Migliaia di giovani hanno deciso allora di scendere in strada, sfidando pacificamente le autorità. Le forze dell'ordine hanno risposto con la forza: dopo aver interrotto la corrente elettrica, hanno iniziato a sparare ad altezza d'uomo sui manifestanti. Non è ancora chiaro quante siano le vittime, probabilmente diverse decine.

Chi lascia l'Africa non fugge unicamente da conflitti e miseria. Chi resta in Africa non muore unicamente per conflitti e miseria. In questi mesi abbiamo ripetuto che “black lives matter”, le vite dei neri contano. Se è così, non contano unicamente negli Stati Uniti, dove è il razzismo ad opprimere, ma anche in Africa, dove a farlo è una politica che sacrifica la vita di milioni di persone sull'altare dei propri interessi particolari.

#EndSARS
...

5 days ago  ·  

Leggi su Facebook

Theme: Elation by Kaira.